IL MITO DALIDA TORNA ALLE SUE RADICI CALABRESI

Serrastretta, Domenica 13 Agosto 2017 - 04:22 di Angelo Aiello

  A trent'anni dalla scomparsa della Diva internazionale, Serrastretta celebra la sua Iolanda Gigliotti, in arte DALIDA, con uno spettacolo evento e grande attenzione da parte delle istituzioni politiche locale e regionale.  

Tanti i commenti e le pubblicazioni su carta siti e video, qua viene integralmente riportato il commento di Antonio Miredi giornalista, scrittore e profondo conoscitore di Dalida-

http://antoniomirediarte.blogspot.it/

                                             DALIDA: UN MITO OLTRE IL TEMPO  

                                                      di  Antonio Miredi  

Un Mito, un vero mito, è tale solo se è capace di sfidare il tempo, oltrepassandolo, incarnando una figura archetipica in cui riconoscere tutte le diverse sfumature dei sentimenti e le declinazioni di una vita. Se il nome Dalida è oggi una Icona internazionale che va oltre la sua stessa immagine di cantante popolare capace di attraversare le stagioni e le mode musicali dell'epoca, in continua metamorfosi fisica e interpretativa, è perchè il suo essere artista di originalissimo talento  possiede quello che Roland Barthes, a proposito di mitologie moderne, indicava  come il dono di un magnetismo enigmatico.   

Un carisma riconducibile all'antico mondo greco, con quel senso di tragico oscuro e allo stesso tempo di luminosa felicità, culla geografica da dove sono scaturite, con il soffio delle Muse, tutte le mitologie del nostro Occidente. Per capire meglio il mito Dalida bisogna partire da qui, non solo dal successo internazionale arrivato con  Parigi, e nemmeno dalle esotiche suggestioni orientali  con  il Cairo che pure le ha dato i natali.    Le radici culturali, quelle stesse radici che hanno la stessa forza vitale del sangue, appartengono alla italianità, alla "calabrisella" Jolanda, pronta fin da bambina,  con il suo sogno capace di guardare da vicino e lontano, a rappresentare tutto quel mondo ancestrale e sempre nuovo che la voce, la teatralità delle mani, la suosità dei capelli, l'ambiguità degli occhi di Venere, hanno poi saputo liberare.             

La Magna Grecia di terra di Calabria, ecco la ragione più profonda del mito Dalida con  quelle radici  lontane riconducibili a Serrastretta, questo ameno paese nel verde della pre Sila, ma anche terra amara di emigrazione, e da dove partì in cerca di fortuna, nella terra delle Piramidi,  nel lontano fine Ottocento, un esponente del ramo della famiglia Gigliotti.    Si può capire allora la fierezza dell'attuale primo cittadino di Serrastretta, il sindaco Felice Maria Molinaro, quando con orgoglio mostra tutta la documentazione ufficiale che si conserva in Municipio e che spiega e legittima questo passaggio obbligato. Ma c'è voluto del tempo, bisogna dirlo,  prima che il Mito Dalida avesse la sua degna  grande attenzione istituzionale  da parte della Regione Calabria.   

A Serrastretta, già famosa, Dalida vi arrivò nel 1962, durante un suo tour canoro, e come testimoniano i filmati in bianco e nero dell'epoca, fu accolta come un capo di Stato. Il filmato Rai ce la fa vedere  ancora palpitante di emozione, quasi intimidita, con quell'aria di ragazzina pronta a lanciare baci, dal balcone e per strada, tra le fila delle folla festosa, baci volanti come leggere colombe.   

A trent'anni dalla scomparsa, Serrastretta è tornata a celebrarla in modo esemplare con un evento spettacolo che arriva anche sull'onda di una attenzione mediatica che negli ultimi tempi non è mai mancata, grazie ai contributi televisivi, cinematografici, teatrali, e alle ripresa delle sue canzoni da parte di artisti famosi italiani e internazionali.   

Dalida è tornata alle sue radici e questa volta l'Omaggio non sembra avere un suggello effimero dal momento che è una realtà il finanziamento regionale di un Auditorium Dalida che nascerà proprio a Serrastretta. A ricordarlo e a raccogliere altre sfide culturali future è stato infatti proprio il Governatore della Calabria, Gerardo Mario Oliverio, autorevole presenza dell''evento, e che non ha mancato di ricordare tanti altri celebri talenti calabresi, come Gianni Versace.   

Lo spettacolo si è snodato alternando canzoni ed interviste, leggerezza e nostalgia. La leggerezza, col suo ciuffo colorato di ironia, l'ha presentata soprattutto Cristiano Malgioglio, che pur non avendo conosciuto di persona Dalida e con il rammarico di non aver potuto scrivere canzoni su misura per lei, l'ha ricordata con sincero affetto, come una delle vere dive di statura internazionale Al contrario dei pseudo talenti canori di oggi che si limitano a muovere la bocca senza nessuna gestualità interpretativa.   A riproporre alcune canzoni dell'artista, mi piace  segnalare la presenza dell'attrice Maria Letizia Gorga, che dal 2003 porta sulla scena con intelligenza e sensibilità  il suo racconto viaggio "Dalida. Avec le temps" scritto da Pino Ammendola.   La verve napoletana con la canzone Bambino è arrivata invece con Carol Lauro, già conosciuta a Serrastertta, che con la sua sinuosa figura ha voluto proporre una sua personale "imago" Dalida.    

Thierry Savona, presidente Fan Club Dalida Forever, e responsabile pubbliche relazioni web , per la prima volta a Serrastretta, è stata un'altra autorevole presenza di raccordo internazionale. Era doveroso poi alla fine dare la parola sul palco al nipote di Dalida, Luigi Gigliotti, autore di un libro con ricordi di famiglia, libro che fu presentato nel 2009 proprio a Serrastretta.   

Luigi Gigliotti è figura emblematica della famiglia Dalida, anche per il nome che porta. Luigi venne alla luce proprio in quella primavera del1967, quando Dalida dopo la tragedia Tenco, si riaffacciò alla  luce della vita a poco a poco. La sua nascita sembrò una benedizione e dono del cielo.    Luigi ha portato anche i saluti dello zio Bruno Gigliotti, in arte Orlando; il fratello di Dalida, è bene ricordarlo, è stato ed è  ancora l' artefice-demiurgo a difendere e tener viva la memoria artistica del mito Dalida.  La serata evento  non poteva non essere anche una felice rimpatriata rispetto ai tanti ammiratori di Dalida che non hanno voluto mancare a questo importante appuntamento, arrivando dalla Francia, da Torino, dalla Sicilia...    Una menzione speciale la voglio fare  alla ASSOCIAZIONE DALIDA' (l'accento sull'ultima vocale fa parte del logo-marchio  dell'associazione).

A questa associazione io sono particolarmente legato e affezionato, ancora prima che nascesse la Casa-Museo Dalida, nata  grazie a una  caparbia volontà e all'inizio senza ancora una concreta attenzione delle istituzioni,  arrivata man mano nel tempo. E  io mi porto nel cuore anche il personale  contributo storicizzato, fin dal mio primo arrivo sulle tracce delle radici del mito Dalida, nel lontano 2004, in un viaggio avventuroso ed emozionantissimo, a portare un incoraggiamento che nel tempo si è rivelato lungimirante    L'evento per me forse ha chiuso un mio esistenziale  cerchio, ma per Serrastretta, l'Associazione, la  bella terra di Calabria, non è che un nuovo inizio, pronto a raccogliere sempre più ardite sfide.   Ha ragione infatti quando Franco Fazio, il presidente dell'Associazione Dalidà, ricorda come il senso più autentico della Casa-Museo a Serrastretta è quello di "Custodire e testimoniare una memoria che non può però rimanere sepolta in questo luogo ma deve saper sempre creare sinergie culturali ed artistiche con l'Italia, Parigi, il mondo". Il Mito in fondo non è che un Eterno Ritorno.          (© Antonio Miredi)



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code